Equilibrio acido

PH 10: OMEOSTASI ACIDO-BASE e ACIDOSI TISSUTALE E METABOLICA

L’equilibrio acido-base è il risultato di una serie di reazioni chimico-fisiche che avvengono all’interno dell’organismo, influenzate da varianti fattoriali, siano esse esterne o interne. Le reazioni biochimiche sono particolarmente sensibili al pH dal momento che le molecole biologiche contengono atomi con la peculiarità di caricarsi positivamente, negativamente o essere neutri in funzione del pH con un effetto sulle specifiche attività biologiche delle molecole. Il fluido intracellulare e i fluidi che circondano le cellule hanno un pH determinato e praticamente costante che viene mantenuto tale dai sistemi tampone biologici come quello idrogeno-fosfato e sistema acido carbonico. Grazie a questi processi, il pH del sangue è normalmente mantenuto su valori compresi tra 7,35 e 7,45.

Il pH è il valore che esprime il livello acido-basico in una scala che va da 0 a 14 dove lo zero rappresenta la massima acidità (pH acido), il 14 la massima alcalinità (pH basico) e 7 la neutralità. Dipende dalla concentrazione di idrogeno-ioni (H+) nei liquidi organici: più nella soluzione sono concentrati questi H+, più il pH risulterà acido. Il livello di pH varia a seconda del distretto dell’organismo in cui lo si misura: in condizioni normali il sangue è leggermente alcalino, con un valore che varia entro limiti molto ristretti, tra 7.35-7.45, mentre quello delle urine oscilla normalmente tra 4,6-8. Anche le feci hanno un loro pH fisiologico, così come l’ambiente vaginale, normalmente acido, come anche quello cutaneo ecc.

Alcune di queste reazioni biochimiche sono ad esempio il cibo che si assume sia di giorno che di notte e l’ossigeno che ognuno di noi respira. Sia il cibo che l’ossigeno, forniscono l’energia necessaria per adempiere a tutte le funzioni quotidiane come studiare, lavorare, camminare, pensare oltre a tutte le numerosissime funzioni biologiche che avvengono all’interno delle cellule. Per trasformare gli alimenti e l’ossigeno in nutrizione ed energia, l’organismo produce scorie metaboliche acide che vengono eliminate attraverso le urine, le feci, il sudore ed anche attraverso la respirazione.

Molte di queste scorie metaboliche acide vengono veicolate agli organi emuntori attraverso il torrente circolatorio, dove il sangue ne elimina una certa quantità. Un ruolo principale a livello emuntoriale lo svolge l’apparato renale, che contribuisce a mantenere l’omeostasi acido-base attraverso la sua peculiarità di filtrazione, la diluizione delle sostanze acide, il tamponamento e l’eliminazione. I reni per mantenere l’equilibrio acido-base devono eliminare ioni H+ in quantità equivalente a quella prodotta e trattenere invece gli anioni bicarbonato (HCO3–), che sono alcalini, riassorbendoli, ma se i reni non funzionano bene oppure se non riescono ad espellerli tutti, vengono assorbiti nella matrice extracellulare. Qui si depositano tutte le sostanze, come gli idrogeno-ioni cationici (H+), che non riescono ad essere espulse dal nostro organismo, così come i farmaci e i loro residui tossici. I residui vengono dapprima immagazzinati nella matrice extracellulare e, quando anche questa è intasata, passano nei tessuti, dove, nel caso siano ioni H+, parleremo appunto di acidosi tissutale.
Preservare il corretto funzionamento dei reni è fondamentale per mantenere questo delicato equilibrio. E’ fondamentale non sovraccaricarli con scorie azotate, residui della scomposizione degli aminoacidi, accentuate ad esempio nei regimi alimentari iperproteici. Per quei soggetti che hanno necessità di seguire questi profili nutrizionali, dovrebbero compensare gli squilibri integrando con integratori alimentari a base di aminoacidi essenziali (AMINOPOOL DIAMOND LIFE) che abbiano un utilizzo netto dell’azoto pari al 99%, producendo quindi residui quasi nulli, non sovraccaricando così sia l’apparato renale che epatico.
Quando le scorie superano una certa soglia, l’organismo non è più in grado di neutralizzarle spianando così la strada all’insorgere dell’acidosi.
L’acidosi è quindi un’alterazione dell’omeostasi acido-base, che viene generata dal metabolismo delle singole cellule e successivamente espressa nella matrice extracellulare definita acidosi tissutale, e nel sangue definita acidosi metabolica.

I principali sintomi dell’acidosi metabolica sono:

stanchezza al mattino, disturbi del sonno (con particolari risvegli tra l’una e le tre di notte), reflussi gastrici e bruciori di stomaco, costipazione, emicranie frequenti, pelle grassa (soprattutto del viso) o eczemi, sudorazione ai piedi e tendenza a sudare (sudori freddi), sensibilità e una minore resistenza al freddo, dolori e crampi muscolari, bronchite cronica con formazione di muco, leucorrea (perdite vaginali), mancanza di energia, disturbi dell’umore, aritmia, alitosi.
L’omeostasi acido-base viene espressa con un fisiologico andamento ciclico: tra le 03.00 e le 15.00 il corpo è in una fase di acidosi fisiologica durante la quale l’organismo viene depurato dalle scorie (catabolismo) per poi passare tra le 15.00 e le 03.00 in una fase di alcalosi fisiologica (anabolismo) di elementi consumati, o non più funzionalmente utili.
Per mantenere o ristabilire il corretto equilibrio acido-base è fondamentale adottare scelte alimentari appropriate come un maggiore apporto di alimenti alcalini e un corretto stile di vita dal momento che la maggior parte degli organi, (salvo eccezioni per alcune zone dell’apparato gastrico, di quello cutaneo e per i distretti degli organi genitali) svolgono al meglio la loro attività in un ambiente tendente alla neutralità (pH 7). Esagerare con l’introduzione di alimenti fortemente acidificanti (carne rossa, insaccati ecc.), così come consumare troppi zuccheri raffinati (dolci) o praticare attività sportive estreme ed intense, comporta la tendenza dell’organismo a creare un ambiente meno adatto al fisiologico funzionamento dei nostri apparati.
Ph10 Diamond Life è la soluzione, contiene principi attivi che lavorano sinergicamente e in modo complementare tra loro, regolando le funzionalità organiche, drenando e ripristinando/mantenendo la corretta omeostasi acido-base, contrastando l’accumulo radicalico dovuto ad una eccessiva acidificazione dei tessuti biologici, ossei e dagli accumuli di grasso con conseguente infiammazione.
È indicato per soggetti sottoposti a stress post attività fisica, per chi segue un’alimentazione sbilanciata, chi viaggia di frequente, e chi vive in ambienti inquinati o chiusi.
La funzione principale delle ossa è senza dubbio quella di sostegno, ovvero quella di dare una precisa forma al nostro organismo, che consenta il libero movimento nonché la protezione necessaria agli organi interni.
Le ossa non sono però semplici impalcature dure e vuote. La componente organica è costituita ad esempio da collagene di tipo I, la proteina più abbondante nel nostro corpo. La struttura articolare è inoltre composta da sali minerali in quantità considerevoli, e, tra le funzioni metaboliche che l’osso svolge, grazie proprio alla presenza dei sali minerali c’è proprio il mantenimento dell’equilibrio acido-base. Rilasciando o assorbendo i sali minerali, le ossa riequilibrano le variazioni di pH e la concentrazione di ioni H+.
Squilibri ormonali come le fisiologiche alterazioni mestruali, stili di vita sregolati (che portano a squilibri ormonali che poi si ripercuotono sulla funzionalità di tutto il corpo) e alimentazione prettamente acida, troppo ricca di proteine animali e di zuccheri semplici e povera di frutta, verdura, vitamine, minerali e fibre, induce ad accumulo di grasso settoriale (glutei, cosce e fianchi) e, per via dell’acidosi, aumenta lo stato di infiammazione, dando origine all’inestetismo della cellulite.
Per combattere la pelle a buccia d’arancia, nei suoi diversi stadi antiestetici è utile correggere l’alimentazione per agire sull’equilibrio ormonale, basta pensare al ruolo insulinico e al cortisolo, mantenere una attività fisica costante, garantire un buon riposo per agire sull’ormone della crescita, su melatonina e cortisolo.
Un’alimentazione varia ed equilibrata è alla base di una vita in pieno benessere. Non sempre però gli alimenti che abbiamo a disposizione contengono tutti i nutrienti di cui necessitiamo e, molte volte, è difficile organizzare la propria corretta alimentazione giornaliera per assicurare l’assunzione di tutti i nutrienti e un buon equilibrio tra cibi acidi e cibi alcalini. Può essere utile, quindi, affiancare ad una sana e corretta alimentazione anche l’uso di integratori che contribuiscano a bilanciare l’equilibrio acido-base, ricordandosi sempre di consultarsi con il proprio curante o il professionista accreditato.

PH10 DIAMOND LIFE

Favorisce la digestione, lo smaltimento delle scorie metaboliche delle tossine e dei radicali liberi.

Favorisce il ripristino delle condizioni di acidosi metabolica dovuta a stress, attività fisica e disbiosi intestinale, utile in caso di stipsi e costipazione e in caso di emicrania.

Allevia dolori articolari (reumatismi, artrosi, gotta, artrite), utile in caso di ritenzione idrica e cellulite grazie alla sua azione drenante.
I principi attivi del PH10:

Bicarbonato di Sodio: Sale alcalino prodotto naturalmente dal nostro organismo, specialmente dal pancreas in cui è il principale costituente dei succhi pancreatici di cui rappresentano un elemento nutritivo.
Carbonato di Calcio: Sale alcalino contenente il 40% di calcio, prezioso minerale utile per favorire la normale funzione degli enzimi digestivi ed ottimo amico delle ossa.

Carbonato di Magnesio: Sale alcalino di magnesio, minerale utile per favorire l’equilibrio elettrolitico

Bicarbonato di Potassio: Il Potassio è un minerale fondamentale per il corretto funzionamento di cellule, tessuti e organi. Regola importanti funzioni del meccanismo della contrazione muscolare, dell’apparato digerente e cardiocircolatorio.

Calcio Corallino: Sale alcalino di magnesio, minerale utile per favorire l’equilibrio elettrolitico. Il Corallo Fossile naturale è una fonte di calcio minerale indicato per favorire le normali funzioni degli enzimi digestivi, delle ossa e muscolari. Ricco di elementi traccia utili per varie attività enzimatiche.

Vitamina D (colecalciferolo): La Vitamina D rappresenta il principale meccanismo regolatore dell’omeostasi del calcio nell’organismo ed è particolarmente importante nello sviluppo scheletrico e nella mineralizzazione delle ossa. Viene sintetizzata a livello della pelle attraverso una serie di reazioni fotochimiche che sfruttano le radiazioni UV-B della luce solare. Tuttavia, vi sono situazioni in cui tale sintesi non è sufficiente per soddisfare le esigenze fisiologiche (scarsa esposizione alla luce del sole) e risulta quindi necessaria una integrazione orale.

Giuseppe Dr. Gianfrancesco Ph.D
Comitato scientifico Diamond Life