BIOBASIC: regolazione, depurazione, modulazione

BIO BASIC DIAMOND LIFE l’integratore prezioso:

frutto-oligosaccaridi che favoriscono la funzione PREBIOTICA e il conseguente equilibrio della flora batterica intestinale esercitando un’azione rigeneratrice sulla stessa e impedendo la formazione e l’assorbimento di tossine nel colon originate dai processi fermentativi.

Magnesio citrato che contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento

Bicarbonato di potassio, Zinco citrato, Manganese citrato, Sali minerali alcalini indispensabili per contrastare l’acidosi tissutale e favorire la mineralizzazione ossea.

Vitamina C che contribuisce al buon funzionamento del sistema nervoso

Vitamina D che aiuta a mantenere una buona funzione muscolare.

Glutammina, aminoacido fondamentale per l’integrità della mucosa intestinale.


La medicina di regolazione studia l’organismo nella sua interazione continua e costante tra la funzione e la struttura.

La dinamica interattiva tra queste due sinergie permette di regolare lo stato di salute inteso proprio come l’equilibrio omeostatico del sistema biologico.

La regolazione del ritmo è nella cellula, precisamente nei mitocondri dove avviene la sintesi di APT, questa, riassume in sé energia e ritmo che rende possibile la funzione del sistema biologico.

Il perdurare di un comportamento scorretto si ripercuote nella qualità di regolazione interna del sistema (terreno) che si riflette sulla sua organizzazione determinando prima dei danni funzionali e successivamente dei danni di lesione a carico dei vari organi e apparati, causati da eventi di natura fisico-metabolico-psicologica.

La strategia di riequilibrio consiste nella ricerca e correzione del fattore primario causale che, sovente, non è così evidente.

Malattie anche gravi, possono trovare soluzione se il sistema immunitario (adattivo ed enterico) è forte e sostenuto da una buona produzione energetica da parte del sistema biologico, che deve essere aiutato da un cambiamento dello stile di vita (alimentazione in primis) ed un rinnovato assetto psicologico.

Il sistema biologico reagisce e interagisce con l’ambiente e viene influenzato dal clima, dalle stagioni e da tutto ciò che entra in vibrazione con noi.

Principi attivi di alcune erbe depurative per fegato e intestino inserite in BIOBASIC consentono di sostenere gli organi che vengono maggiormente coinvolti durante la digestione e nel processo di assimilazione. Il sistema gastro intestinale possiede un ruolo sensoriale nella misura in cui risponde alla presenza del gusto amaro tipico delle piante (Boldo, Fumaria, Rabarbaro), con il rilascio di numerose molecole che modificano il tempo di transito degli alimenti nel tratto, l'assorbimento dei nutrienti, e il rilascio di molecole "umorali" come la serotonina.
L'ingestione di elementi amari come queste erbe depurative e disintossicanti, favoriscono il rilascio di sali biliari, rallentando lo svuotamento gastrico, così da aumentare il senso di sazietà permettendo una scomposizione maggiore degli alimenti, favorendo quindi la digestione post gastrica di carboidrati e grassi complessi.

La promozione di riduzione dello stress a opera di amminoacidi specifici come la cisteina, l'arginina e la glutammina, migliora l'immunità e i processi di assorbimento dei nutrienti. Agendo come molecole di segnale e di mediatori a livello cellulare, questi amminoacidi sono noti per regolare molte funzioni nella cellula e di conseguenza aiutare il recupero, ricordando anche che la glutammina ad esempio, è un precursore del glutatione, un potente antiossidante prodotto a livello endogeno. I supporti integrativi dei quali oggi si dispone, è documentata da diversi studi scientifici approvati, che evidenziano come un supporto integrato è fondamentale per il contrasto delle complicanze e, se adottato tempestivamente, risulta essere specifico per ottenere un minor rischio di evidenziare svariate condizioni patologiche.

Lo zinco ad esempio, è essenziale per molteplici funzioni cellulari, IMPLICATE nell’omeostasi e nell’infiammazione incluso il mantenimento della salute immunitaria svolgendo un ruolo preponderante nell'immunità antivirale; agendo come molecola di segnalazione, come agente antinfiammatorio, e come membrana stabilizzante antiossidante.

Poiché lo Zinco è indispensabile per avere una forte risposta immunitaria, il deficit persistente può abbassare considerevolmente l'immunità innata e adattativa. Un altro ruolo chiave nella risposta allo stress immunitario, lo gioca il sistema immunitario enterico, che agisce da modulatore nei confronti delle aggressioni batteriche e virali.

Le comunità microbiche (batteri, funghi, virus e protozoi) nel tratto gastrointestinale umano ed in altri importanti distretti (polmoni, pelle, bocca, distretti uro-genitali ecc.), esistono in una relazione commensale con le cellule ospiti, svolgendo così un ruolo importante nel mantenimento della salute. Il microbiota gastrointestinale ha la capacità d'interagire con le cellule umane, comprese quelle immunitarie specifiche, influenzare la permeabilità intestinale e le funzioni di barriera, modulando così l'immunità mucosale e sistemica.

Inoltre, in questa comunicazione sono coinvolti anche componenti microbici intestinali e metaboliti come i lipopolisaccaridi (LPS) e acidi grassi a catena corta (SCFA).

Questi ultimi vengono stimolati dall’assunzione dei nutrienti della microflora batterica: i FOS (fruttoligosaccaridi) contenuti in BIOBASIC.

I FOS sono fibre solubili che vengono impiegati come prebiotici (sostanze indigeribili per l'uomo ma non per la flora batterica che colonizza l’intestino) migliorando la crescita e la sopravvivenza dei probiotici.


I FOS esercitano un'azione benefica nei confronti del microbiota intestinale salvaguardandone la biodiversità e la funzionalità, esprimendo anche le sue potenziali funzioni come agenti immunomodulanti, antibatterici e protettivi mucosali.

Una volta assunti, i FOS raggiungono inalterati il cieco ed il colon, dove stimolano selettivamente la crescita e l'attività metabolica di ceppi benefici, come i bifidobatteri. Questi batteri ad attività probiotica utilizzano gli zuccheri dei FRUTTOLIGOSACCARIDI per crescere e riprodursi, producendo a loro volta acidi organici a corta catena SCFA (acetico, lattico e formico) che inibiscono la crescita di patogeni.


Gli acidi grassi a catena corta esercitano un'attività mucoprotettiva, proteggendo le mucose intestinali dall'azione lesiva di potenziali sostanze irritanti e infiammatorie, modulando al contempo il normale turn-over degli enterociti.

L’azione antisettica dei FOS va attribuita sia alla produzione di acidi grassi a catena corta, alcuni dei quali con dirette funzioni antibatteriche, sia alla capacità d'incrementare la vitalità di Bifidobatteri e Lattobacilli.

L'uso di FOS e la conseguente produzione di acidi grassi a catena corta, potenzia anche il profilo di assorbimento di minerali come il calcio, il magnesio, vitamina D e le vitamine del gruppo B.

La vitamina D, è uno dei nutrienti più importanti e potenti per il supporto del sistema immunitario.

Una carenza di vitaminaD3 è associata ad una maggiore autoimmunità (organismo contro se stesso) e a una maggiore suscettibilità alle infezioni. Il recettore della vitamina D (VDR) si trova anche nelle cellule immunitarie (linfociti B,T Macrofagi) e loro stesse sono in grado di trasformare la vitamina D3 nella sua forma attiva.
Dagli alimenti siamo solitamente in grado di assumere solo il 20% del fabbisogno di Vitamina D e il resto è prodotto dall’esposizione solare nelle ore più calde grazie ai raggi UVB utili a questo scopo. La Vitamina D stimola particolari cellule (defensine e catelicine, peptidi prodotti dalle cellule immunitarie e dall’intestino). In questo modo contribuisce alla stabilità di una delle più importanti barriere verso gli agenti estranei come virus e batteri. La vitamina D3, è un modulatore del sistema immunitario che riduce le citochine infiammatorie, stimola la produzione del glutatione, il più potente antiossidante e disintossicante del nostro corpo ed è a sua volta influenzata da esso, in quanto una carenza di glutatione impedisce l’assorbimento della vitamina D.

Il magnesio è indispensabile per il bilancio metabolico della Vitamina D.

È uno dei micronutrienti più importanti del nostro organismo, regolatore infatti di più di 600 enzimi e fondamentale per il corretto funzionamento dei mitocondri (le centrali energetiche del nostro organismo) e per la sintesi dell’ATP, molecola energetica che viene prodotta da tutti i processi metabolici che coinvolgono macronutrienti come carboidrati e grassi. Avendo quindi una così importante e vasta azione rientra di gran lunga come elemento fondamentale per il sostegno del sistema immunitario.

Considerato il "minerale dell'energia" una sua carenza può manifestarsi con sintomi vaghi che includono stress, insonnia, crampi muscolari, diarrea, astenia, ma risulta indispensabile per il bilancio metabolico della vitamina D e la resistenza ossea.

Di norma se il magnesio è carente, anche vitamina D e calcio lo saranno. La supplementazione esterna di vitamina D deve avere la contemporanea integrazione di magnesio per produrre effetti protettivi adeguati.

Giuseppe Dr. Gianfrancesco ND Ph.D

Comitato scientifico Diamond Life