Condividi su: Facebook Twitter Linkedin

Le proprietà ed i benefici del connubio spirulina e miele

I vari tipi di miele che conosciamo, hanno come virtù principale quella di essere un nutriente fondamentale per la salute con una prevalente azione antisettica; è cioè una sostanza capace d'inibire lo sviluppo e la moltiplicazione di svariati microrganismi infettivi e potenzialmente patogeni (virus, batteri, funghi ecc.). Il miele contiene numerose vitamine e minerali: vitamina A ed E, calcio, ferro e manganese; contiene antiossidanti, dove tra questi hanno rilevanza acidi organici e composti fenolici come i flavonoidi. Diversi studi scientifici hanno dimostrato che l’unione di queste sostanze doni al miele proprietà antiossidanti. In generale, gli antiossidanti vengono ricollegati alla riduzione del rischio di attacchi cardiaci, ictus e alcune tipologie di cancro; inoltre, promuovono la salute degli occhi e coadiuvano all’abbassamento della pressione sanguigna.  Un’altra proprietà importante del miele è quella di essere uno straordinario protettore del sistema cardiocircolatorio. Un elevato quantitativo di colesterolo LDL nel sangue (colesterolo “cattivo”) costituisce un forte fattore di rischio nello sviluppo di malattie cardiache. Numerosi studi hanno dimostrato che il miele migliora i livelli di colesterolo, riducendo il colesterolo totale e l’LDL, favorendo invece l’aumento dell’HDL.  

Un altro fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiache è un elevato livello di trigliceridi nel sangue che tende ad aumentare quando si segue una alimentazione troppo ricca di zuccheri e di carboidrati raffinati e una scarsa attività fisica. Il regolare consumo di miele, abbinato ad uno stile di vita corretto, abbassa il quantitativo di trigliceridi. Al giorno d’oggi, dove la frenesia sociale divampa, la condizione più soventemente riscontrata è quella inerente a disordini intestinali di origine batterica o virale che affligge moltissime persone. I ritmi lavorativi sempre più stressanti, l’alimentazione scorretta, i junk food e le bevande addizionate con zuccheri industriali, concorrono a un depletamento del sistema immunitario con una sempre maggiore possibilità di esporre l’organismo ad agenti virali patologici, e anche alla riduzione di tutti quei batteri protettivi della microflora intestinale. La gastroenterite batterica ad esempio, è causata dall’attacco dei batteri alle cellule dei tessuti del tratto gastro-intestinale. Il miele blocca l’attacco dei batteri patogeni e, grazie alle sue proprietà antibatteriche, promuove una più veloce guarigione dal sintomo principale che è la diarrea. Se assunto con acqua, oltre a favorire la reidratazione, migliora l’assorbimento di potassio, sale minerale essenziale spesso perso a causa della diarrea, favorendo altresì la riparazione della mucosa intestinale danneggiata, stimolando la crescita di nuovo tessuto.

Questo nutriente prezioso, trova come alleato nella lotta contro le varie disarmonie metaboliche, la spirulina, un’alga d’acqua dolce dalle molteplici proprietà che si possono così riassumere: Sistema immunitario più reattivo: questa alga stimola le naturali difese dell’organismo grazie alla molteplicità di nutrienti presenti nel suo codice molecolare (aminoacidi, vitamine, Sali minerali ecc.), per questo motivo è indicata assumerla nei periodi critici dell’anno (ad esempio in autunno-inverno per evitare il più possibile raffreddore e influenza). Maggiore energia: grazie alla presenza di vitamine A, B, C, E e sali minerali importanti come ferro, calcio, magnesio e potassio, la spirulina è un vero e proprio integratore che fornisce il giusto carburante all’organismo per funzionare al meglio; per questo è particolarmente apprezzata anche in ambito sportivo. Miglioramento delle anemie ferro-prive: chi soffre di anemia può trarre beneficio da un’assunzione regolare di spirulina in quanto quest’alga è ricca di ferro tra l’altro facilmente assimilabile dall’organismo. Ottimo integratore proteico: spesso si consiglia l’uso di spirulina a vegetariani o vegani in quanto è un’alga particolarmente ricca di amminoacidi. Un’assunzione giornaliera assicura dunque una maggiore possibilità di raggiungere il fabbisogno proteico necessario all’organismo. Depura e disintossica: tra le caratteristiche più apprezzate di questa alga vi è la sua capacità di depurare e disintossicare, avendo proprietà antigastriche, anticoliche e di depurazione, quindi assicura anche un buon effetto disintossicante sul corpo.

Regolazione del colesterolo: grazie ai principi attivi contenuti, se usata nel modo giusto e con una certa costanza, è in grado di riportare nella norma i valori del colesterolo. Miglioria della pelle: la spirulina è ricca di sostanze antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi e, essendo ricchissima di antiossidanti, regala all’ epidermide una maggiore lucentezza. Mestruazioni e sindrome premestruale: anche se si soffre di problemi legati al ciclo femminile, la spirulina può venire in aiuto dal momento che contribuisce a regolarizzarlo, alleviandone anche eventuali dolori. Le mestruazioni sono spesso accompagnate da dolore al ventre a volte violento, stanchezza intensa, insonnia, mal di testa, senso di depressione e irritabilità, questa condizione riguarda circa il 72% delle donne durante il ciclo mestruale.  I dolori sono spesso legati a carenze alimentari (vitamine, minerali, acidi grassi essenziali) e a un’alimentazione squilibrata. È possibile attutire questi dolori e ristabilire l’equilibrio del corpo e della flora intestinale con un’alimentazione equilibrata e con l’uso di spirulina e probiotici di alta qualità umano-compatibili.  Le mestruazioni hanno il vantaggio di espellere numerose tossine dall’organismo, tuttavia possono essere causa di anemia, dal momento che le donne dispongono di un tasso di ferro appena sufficiente essendo anche più disposta a contrarre infezioni più o meno gravi.  Alcalinizzante: secondo la teoria dei cibi acidificanti e di quelli alcalinizzanti, la spirulina va inserita in questi ultimi aiutando a ristabilire l’equilibrio acido-base dell’organismo.

Giuseppe Dr. Gianfrancesco ND Ph.D